FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Striscia la Notizia", si spacciavano medici a Milano e poi andavano a giocare alle slot machine

Valerio Staffelli ribecca i falsi dottori del Centro Cardiologico Monzino e viene aggredito verbalmente da uno degli impostori fino allʼintervento della polizia

Chiedevano soldi spacciandosi per medici del Centro Cardiologico Monzino di Milano, poi andavano a giocare alle slot machine. L’inviato di "Striscia la Notizia", Valerio Staffelli è tornato sulle tracce della coppia di truffatori che già aveva incontrato in una delle precedenti puntate del tg satirico. Quella volta, la donna non prese bene le domande di Staffelli e urlò contro il giornalista tentando allo stesso tempo di mettersi al riparo dalle telecamere.

La stessa cosa è successa adesso: rifugiatasi nei bagni del Centro, la finta dottoressa ha prima fatto scattare l’allarme anti incendio con una sigaretta, poi è stata portata via dalla polizia. Nel frattempo, il povero Staffelli è stato apostrofato con ogni tipo di offesa ed è stato accusato, in maniera infondata, di aver procurato un occhio nero alla sua intervistata.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali